premi e articoli

Premio Locale del Buon formaggio 2015


Cose Buone per la terza edizione consecutiva di Cheese riceve il premio Locale del Buon formaggio 2015 da Slow Food Italia e Onaf.

Il premio sottolinea l'impegno dei locali che si sono distinti per la valida selezione di formaggi e noi desideriamo ringraziare tutti Voi che ogni giorno ci scegliete.

A presto da Daniela e Davide di Cose Buone a Polesine.

Premio Locale del Buon formaggio 2013

Desideriamo condividere una grande gioia, il Premio Locale del Buon formaggio 2013 ricevuto domenica 22 settembre a Brà nell'ambito di Cheese 2013.

Per la seconda edizione consecutiva ( 2011 e 2013 ), Slow Food Italia ci premia come locale che si è distinto per la valida selezione di formaggi.

Dedichiamo questo premio ai nostri piccoli Anna e Giovanni per essere la nostra fonte inesauribile di energia ed ottimismo, ma un GRAZIE di cuore va anche a tutti Voi che in questi anni ci avete seguito, apprezzato e sostenuto: riceviamo questo premio come stimolo per continuare sulla nostra strada, con l'animo di chi sa di dover ogni giorno migliorare ed imparare.

Un grazie speciale a Slow Food ed in particolare a Massimo Truzzi il fiduciario della Condotta Basso Mantovano: il suo impegno e lavoro rende migliore l'intera associazione.

Grazie e .... avanti a tutto formaggio!

Davide, Daniela e i nostri caci!

Primi classificati premio Alma Caseus 2013

Recensione su Papillon n. 64 Inverno 2013 per Cose Buone

L'articolo è consultabile integralmente al seguente indirizzo: http://www.clubpapillon.it/papillon/papillon64/#/117/

Emozionante!

È quello che pensiamo di quest'anno che fra qualche giorno, dopo il Natale, si conclude.

Emozionante perché lo abbiamo passato insieme a Voi, che avete apprezzato le nostre serate con Raffaella Bologna di Braida e poi Arturo Ziliani di Berlucchi; gustato la colazione con il nostro pane caldo, quello vero da lievito madre.
Bello aver condiviso la gioia per l'assegnazione del titolo di " Sbicchieratori ufficiali Gran Cuvée brut Bellavista ".

Ricordiamo tutti i Vostri sorrisi agli aperitivi con Bollinger Special Cuvée e poi con i produttori Simone Binelli di Ausonia e Mauro Fortuna di Le Tende.

In molti avete condiviso la nostra ricerca di prodotti tipici apprezzando i tanti Presidi Slow Food che siamo riusciti a proporVi.

Che emozione poi quando abbiamo presentato i nostri libri "Il sorriso di una farfalla" e "Vola in cucina" e che bello poter sentire il Vostro affetto e la Vostra stima che ha fatto sì che la prima edizione sia quasi esaurita! Un grande, immenso grazie a tutti Voi che ci avete aiutato a promuoverli - di grande spessore e aiuto il contributo de La Voce di Mantova e la Gazzetta di Mantova - leggendoli, consigliandoli, regalandoli e organizzando le serate di presentazione.

Che energia e che voglia di ricominciare quando ci siamo stretti tutti insieme per quello che la nostra amata terra ci ha fatto provare tremando un po' troppo: ma che emozione vedere riaprire la strada chiusa che portava da Cose Buone.

Che bello brindare insieme con tantissimi di Voi al compleanno di Davide gustando il risotto di Paolo Pergher dell'Edelweiss.

Quanto lavoro, ma di grande soddisfazione, per soddisfare le sempre più numerose richieste di servizio di rinfresco e catering: ci avete fatto crescere tanto.

E poi a novembre la grande gioia: il premio "Bottega del Gusto" conferitoci da Paolo Massobrio nell'ambito di Golosaria 2012: non abbiamo mai dovuto rispondere a così tante mail di congratulazioni.

Vi auguriamo un'altro anno " emozionante " desiderando di passarlo ancora insieme, ma prima:

grazie!

per tutto quello che ci avete donato, soprattuto la stima e il lavoro, sempre più bene prezioso e l'affetto e la gioia nel condividere ogni risultato.

Buon Natale e felice anno nuovo da Davide e Daniela di Cose Buone.


Ps. stiamo preparando una grande festa per il nostro 15° Anniversario nel 2013.......

Premio Golosario 2012 sezione BOTTEGHE DEL GUSTO

Carissime e carissimi, da qualche giorno da Cose Buone è arrivata una busta, una busta come tante altre ma davanti è riportato il mittente: Paolo Massobrio - Giornalista.

All'interno è contenuta una lettera meravigliosa ed emozionante che recita:

"... Paolo Massobrio è lieto di comunicare assegnazione prestigioso Premio Golosario 2012 sezione BOTTEGHE DEL GUSTO ..."


Dopo essere rimasti alcuni giorni senza parole per l'emozione e la felicità, oggi abbiamo voluto condividerla con Voi tutti che ringraziamo per aver creduto nel nostro lavoro e nei nostri progetti: questo premio lo dedichiamo a Voi e ai nostri due figli che rappresentano il futuro.

Vi aspettiamo per la cerimonia di premiazione ( chissà se ci stiamo tutti sul palco? ) che si terrà a Milano, domenica 18 novembre p.v. al Palazzo del Ghiaccio in Via Piranesi 14 a partire dalle ore 15 nello spazio Agorà di Golosaria 2012.

Un'altra volta, semplicemente e straordinariamente:

grazie!

Davide e Daniela - Cose Buone

Venerdì 22 giugno ha fatto caldo tutto il giorno, molto caldo.

Abbiamo iniziato a preparare la serata alle 5 del mattino.
Ora dopo ora era bello vedere, che piano piano si collocavano i tavoli, si stendevano le tovaglie, si mettevano in ordine i calici, si accendevano le candele e da lì a poco vedere che cominciavate ad arrivare tutti.
Noi eravamo molto emozionati ma poi tutto è iniziato con le parole di Davide che cercavano di arrivare dirette al cuore, seguite da quelle di Raffaella. Stefano e Maria Grazia cominciavano il servizio dei grandi vini di Braida, mentre Daniela con Antonio, Laura e Federica impiattavano con passione e cura le varie portate preparate da Giorgia, Fernando e Ivan frutto delle loro ricette ma anche di quelle di Paolo e Mario.
Poi emozione ancora emozione, tanta, parecchia grazie alla partecipata lettura di alcuni brani, tratti dal libro " Il sorriso di una farfalla ", da parte dell'amico Giacomo, che con provata capacità riusciva a far fare capolino a qualche lacrima in tanti di noi.
Il Fiore, La Monella e poi Il Bacialè, passando dal Bricco dell'Uccellone dedicato a Giovanni, si arrivava alla Vigna Senza Nome ( il fattore " G " ) e si finiva con la superlativa Grappa.
Stefano ed Andrea, con capace discrezione fotografavano: scatti che ora fanno già parte della nostra e della vostra storia.
Ma i veri protagonisti, attenti ed emozionati spettatori, di un evento che abbiamo creato, amato, vissuto e voluto, siete stati tutti Voi:

grazie
per aver vissuto insieme questa emozione.

Cose Buone & Co.

Grazie alla Tua presenza, la Notte Rosa è stata una delle serate più riuscite di Cose Buone.

l giorno dopo nel mettere a posto ogni cosa, è stato bello ripensare ad ogni istante passato insieme e ci è già venuto in mente cosa fare, e con chi fare, la prossima serata.
Una cosa è certa: vorremmo che Tu ci fossi!

Grazie di cuore da parte di: Daniela, Giorgia, Claudia, Davide ( sullo sgabello ), Mattia, Natale, Stefano, Andrea e Gianni.

Un saluto pieno di gioia, questo di oggi.
Slow Food Italia ci ha attribuito il premio più prestigioso e importante per chi, come noi, ogni giorno lavora nel mondo del formaggio:






Cose Buone riceverà il Premio Locale del Buon Formaggio 2011

La cerimonia di premiazione si svolgerà lunedì 19 settembre 2011, alle ore 10.30 presso il Teatro Politeama Boglione, in piazza Carlo Alberto a Brà ( CN ), in occasione di "Cheese 2011 Le Forme del Latte".
Desideriamo dedicare questo prestigioso riconoscimento a tutti Voi che in questi anni, bellissimi e intensi, ci avete seguito, sostenuto e segnalato anche a Slow Food: riceveremo questo premio come stimolo a fare ancora meglio e di più.
Un grazie particolare al nostro Fiduciario della Condotta Basso Mantovano, Massimo Truzzi che lavorando con passione e sincera dedizione per Slow Food rende questa associazione migliore e più interessante per tutti noi della zona, e con i suoi progetti anche per molte persone di altre zone: bravo Massimo!

Grazie di cuore.

Davide e Daniela - Cose Buone

Grazie di cuore agli oltre 60 partecipanti alla serata con Teo Musso.

E' stato bello inaugurare il nuovo corso di eventi estivi di Cose Buone con tutti Voi, estremamente attenti a tutto quello esposto dal grande Teo nel corso della serata. Le sue birre, i cibi selezionati della Longino & Cardenal, il pane fatto a mano da Giorgia Cremonesi, la nostra amica Chef del Laboratorio San Martino di Mantova, il gnocco e le tigelle buone e calde della Trattoria da Franca, la ganache e la pralina al fondente di Ivan della Pasticceria di San Benedetto e per finire, a sorpresa direttamente da Modica in Sicilia, arrivato con la Mini vintage, Simone con il suo cioccolato meraviglioso. Si è parlato di birra, cultura, cibo ma anche di etica, quell'ingrediente in più che solo Teo per primo ha scelto per le sue birre e nella sua professione. Un punto in comune che noi di Cose Buone condividiamo con Teo, l'etica che ogni giorno mettiamo in campo per le nostre scelte personali e commerciali, umane e professionali. " Copiare non è sapere " ma condividere con un grande come Teo questo principio ci fa sentire meglio. Grazie a Voi tutti che avete reso possibile dire di aver realizzato una gran bella serata: alla prossima in settembre con ...

Carissimi, Venerdì 24 settembre è stato bello avervi ospiti da Cose Buone, brindare inisieme ai produttori, lusinghiero ascoltare le loro parole rivolte al nostro impegno ma soprattutto alla Vostra attenzione.

Da parte nostra dopo aver organizzato il tutto cercando di essere stati all'altezza delle Vostre aspettative non ci rimane che dire una parola solo:

Grazie !

da Davide e Daniela di Cose Buone, da Mattia, Natale e Andrea di Costaripa, da Salvatore di Palmieri, da Giuseppe e Nicola di Ursini, da Carlo di Pieropan, da Mattia della Casera, da Giovanni e Michele di Satta, da Stefano e Milo di Bertoni, da Gianluca di Amedei, da Emanuel e Raffaella di Braida.

Grazie a Te e a tutti i partecipanti compresi i produttori che avete reso la Festa con i Produttori di Venerdì 28 Maggio un Grande Successo di Cose Buone:

eravate oltre 300 !

Talmente grande come successo che siete già in molti a richiederci di fare un'altra serata a breve e noi Vi accontentiamo subito:
ci vediamo Venerdì 24 settembre! Se nella attesa a qualcuno di Voi venisse nostalgia di quella bella serata, potremo sempre riviverla sulle nostri botti...
A presto e grazie a tutti, compreso i le 4 fortunate vincitrici dei magnum che chissà se le berranno in nostra compagnia ( solo io e Daniela, che pensavate )?

Con riconoscenza: Davide e Daniela - Cose Buone

Cose Buone: Enoteca, Cacioteca ed altro

Per la rubrica "L'enoteca ci racconta" questa volta andiamo in provincia di Mantova, nel basso mantovano, presso l'enoteca Cose Buone condotta da Davide Gibertoni

Arcante n°11 Gennaio 2010 - periodico A.I.S. Lombardia

Cose Buone è una enoteca originale in cui si respira l’aria della passione per il proprio lavoro, per la cultura enogastronomica non improvvisata, quella cioè che nasce dalle esperienze di vita vissuta, sul territorio e per il territorio. Non a caso è situata nel cuore padano del basso mantovano, Il cuore storico ed ideale della identità gastronomica mantovana. La zona che ha espresso cuochi come Berti, locali storici come il Cavallino bianco, locali stellati come l’Ambasciata e di ricerca come Corte Brandelli di Lino Turrini.

A Davide, titolare dell’enoteca assieme alla moglie Daniela, chiediamo: Perché Cose Buone?
Io e mia moglie desideravamo lavorare insieme e mettere in pratica le nostre idee ed aspirazioni che erano costruite sulla conoscenza storica e culturale dei prodotti del territorio e volevamo dare un punto vendita che potesse essere di riferimento nel basso mantovano per quanti sono appassionati di autenticità gastronomica ed enologica

Da dove e come avete iniziato?
Avevamo già una conoscenza specifica del mercato grazie alle esperienze della mia famiglia ma, con mia moglie, abbiamo sentito il bisogno di una ulteriore specializzazione e allora abbiamo cominciato ad introdurre prodotti ricercati e fatti da contadini. Non ci siamo fermati però alle esperienze delle nostre campagne mantovane. Grazie alle origini famigliari di Daniela che sono della Val di Non, siamo andati anche alla ricerca di un produttore di salumi tipici e di un casaro che ci garantissero tradizione, qualità ed autenticità tipiche di quella Valle. Sono prodotti incredibili per qualità e rapporto qualità prezzo. Abbiamo poi completato la nostra conoscenza delle nicchie produttive del mantovano trovando veramente delle specialità uniche ed abbiamo allargato la nostra ricerca alle vicine Parma, Modena e Ferrara. La passione per il vino poi mi è stata trasmessa da mio nonno prima e da mio padre dopo ed anche questa si è via via allargata verso la dimensione nazionale ed ultimamente anche verso la Francia

Ma da Polesine come far conoscere questa realtà senza aver fondi da investire in campagne pubblicitarie?
Intanto comunicando la nostra passione e sperando sul passa parola dei nostri clienti e poi sfruttando anche le nuove tecnologie come le e-mail ed i sms. Così piano piano ci siamo fatti conoscere e i Clienti sono aumentati di numero, ma anche di esigenze e, nel 2003, ci siamo sentiti in dovere di iniziare le qualificazioni professionali frequentando prima il corso Onaf ( organizzazione nazionale assaggiatori formaggi ) e poi io nel 2005 quello Ais, e quest’anno quello Onas ( organizzazione nazionale assaggiatori salumi ).

Cosa porta da Cose Buone?
Ultimamente direi che è proprio il vino quello che conduce da Cose Buone, anche perché lo amiamo quasi in modo carnale. Per il vino investiamo tutto quello che ricaviamo, organizziamo cene e degustazioni a tema magari con l’ appoggio di ristoranti per i quali siamo cantina, collaboriamo con le degustazioni Ais sia di Mantova che di Reggio Emilia come fornitori preferenziali di salumi, formaggi e altre specialità ricercate e scovate da qualche piccolo produttore: dai formaggi di malga del nord Italia ai pomodori “ coccolati ” ancora a mano nel sud.

Come lavorate ogni giorno?
Intanto proponendo sempre con correttezza e sincerità i nostri prodotti e poi continuando la ricerca di nuovi produttori sia locali che fuori dalla nostra zona per poi promuovere i loro vini, farli conoscere sia con degustazioni sulle nostre botti, che in negozio fanno da accoglienza per tutti, sia tramite il nostro sito internet, sia attraverso sms o mail. Anche sui vini mantovani stiamo facendo un ottimo lavoro.

Quali eventi ricordi con maggiore piacere?
Particolarmente riuscito un concerto dedicato al vino con il titolo “ Jazz & Bollicine “ dove, sotto il portico del nostro negozio, abbiamo invitato un gruppo Jazz a suonare dal vivo mentre una cantina produttrice di prosecco offriva il vino e un produttore di cantucci li faceva degustare con la complicità di un’ amico gelataio che proponeva gusti speciali fatti con vino come ingrediente.

E dal punto di vista professionale, quello dietro le quinte?
Una cosa di cui andiamo fieri è quella di aver collaborato con cantine di giovani produttori sia per fare che per degustare il loro vino al fine di migliorarlo o correggerlo, sia per la realizzazione di etichette, due delle quali sono dedicate alla nostra piccola Anna di 22 mesi.

E il futuro?
Nel nostro futuro pensiamo di fare della nostra enoteca un punto d’incontro per tutti gli appassionati di vino, dove dall’arredamento agli scaffali tutto parlerà di vino. Dal controsoffitto pensato con un oggetto tanto caro alle bottiglie, in corso di realizzazione e che non sveliamo, al divano vecchio e usato da mettere di fronte al vino per contemplarne le etichette e magari degustare un calice e leggere un buon libro o l’ Arcante. Tante botti che servano da punto d’ appoggio per degustare ogni tanto un nuovo vino, gratuitamente per puro spirito culturale e d’ospitalità, botti che serviranno ad ospitare ogni mese un produttore che sarà presente sia esso cantiniere, enologo o produttore e perché no il casaro di malga piuttosto che il produttore di un buon salame.

Il complimento più bello che avete ricevuto?
Il bimbo di una coppia di nostri clienti amici ci ha soprannominato:” i tati gnam-gnam!”. In una sola parola tutto quello che siamo!

Quale messaggio per i giovani?
Credo che compito di che fa il nostro lavoro sia anche quello di far capire ai giovani ed alle istituzioni che il vino usato in modo corretto è stato, è e sarà sempre storia, cultura, saper vivere, convivialità ma mai un abuso fine a se stesso

Grazie a tutti i partecipanti, ai produttori e a tutti Voi che avete reso la Festa con i Produttori di Venerdì 25 Settembre il più Grande Successo ( per ora ) di Cose Buone.

Un Successo Storico senza precedenti, tanto che siete già in molti a richiederci di farne una a breve.

Ma aspettiamo un po', prima ci concentriamo sulla nuova stagione del Novello e delle Confezioni Regalo per il prossimo Natale, ma se a qualcuno di Voi venisse nostalgia di quella bella serata, potremo sempre riviverla sulle nostri botti...

A presto e grazie a tutti, compreso i 4 fortunati vincitori dei magnum che chissà se ci inviteranno a cena tutti ( solo io e Daniela, che pensavate! ).

Con sincera riconoscenza: Davide e Daniela - Cose Buone

Un grazie di Cuore a tutti i partecipanti che hanno contribuito al successo della manifestazione e per l'interesse avuto nei confronti della nostra Case history, forse l'esperienza più "piccola" ma seguita con interesse ed esposta in modo "semplice" come siamo abituati noi di Cose Buone. Ma ecco l'articolo della Gazzetta di Mantova del 9 marzo:

Le botteghe scoprono la tecnologia: l'invito all'assaggio arriva via sms

la Gazzetta di Mantova — 09 marzo 2009 pagina 09 sezione: CRONACA

Oltre settecento persone hanno partecipato a ‘Salotti di comunicazione’, la tre giorni dedicata ai professionisti della comunicazione che si è conclusa ieri. «Un bilancio più che positivo - commenta Marco Pirozzi, ideatore di format ed organizzatore dell’evento - abbiamo calcolato tra le venti e venticinque persone per ognuno degli oltre trenta workshop, ai quali ha partecipato una sessantina di relatori». Tra gli appuntamenti più seguiti, ieri, quello dedicato a come si parla in pubblico. Un seminario ad hoc - tenuto da Gilberto Cristanini, coach master Pnl responsabile del centro Ac Consulenti associati - per affrontare temi come potenziare e gestire con efficacia le capacità di parlare in pubblico nei diversi contesti professionali e sociali, e come acquisire le regole fondamentali del processo comunicativo ed affinare le abilità relazionali». Molto seguite anche le case history dedicate alle tecnologie che hanno contaminato la comunicazione di piccole attività commerciali e negozi di vicinato. Sms, mail e siti internet come strumento per ‘dialogare’ con i clienti, invitarli a partecipare a degustazioni o alla presentazione di nuovi prodotti, dal vino fino al gelato. «Un’esperienza interessante - continua Pirozzi - perché ha dato modo di vedere come anche un’idea molto semplice possa permettere di sviluppare business, senza bisogno peraltro di budget importanti». Tra i casi presentati: ‘Cose buone’ di Polesine di Pegognaga (con il responsabile Davide Gibertoni), ‘Fondo Bozzole’ di Poggio Rusco (con il produttore di vino Franco Accorsi) e ‘Gelateria Chantilly’ di Moglia (con il proprietario Massimo Faroni). A ‘Salotti di comunicazione’ si è parlato ieri anche di promozione dei singoli punti vendita, strategia che può dare frutti in tempi di crisi economica. La prima edizione della manifestazione va dunque in archivio con un esito positivo. «Da domani inizieremo a lavorare ai progetti nuovi - conclude Pirozzi - partendo da lancio dell’associazione dei professionisti della comunicazione». Tra i progetti anche un evento legato alla moda. Ad animare la prima edizione della tre giorni che si è conclusa ieri all’hotel La Favorita sono state aziende, enti, associazioni di categoria, istituzioni e pubblicitari, protagonisti di incontri, case history presentazioni di soluzioni ed esperienze sul tema della comunicazione. L’evento è stato organizzato da Confindustria, Unione del commercio ed Api in collaborazione con grafici, fotografi, web agency e creativi della provincia di Mantova. Ad aprire la rassegna è stato il confronto tra due dei maggiori esperti di comunicazione in Italia, Luigi Crespi e Daniele Pitteri. Gli oltre trenta workshop tematici hanno visto arrivare iscrizioni da ogni parte d’Italia, a testimonianza dell’interesse che questa sorta di festival della comunicazione ha suscitato tra le aziende e gli esperti del settore.

In questi anni abbiamo usato tante parole, ma in certi momenti ne basta solo una:

Grazie !!!

A tutti Voi per la fiducia, per aver creduto e scommesso su di noi, per averci dato il lavoro, unico vero stimolo a fare meglio e di più, elemento necessario per il miglioramento. Il pensiero va subito a tutti coloro che ogni giorno vengono a Polesine a trovarci, ai Clienti che hanno parlato con amici e conoscenti di noi, consigliando la nostra bottega come un luogo che conoscono solo loro, dove mandare altre persone perché certi che si troveranno bene, e troveranno quello che cercavano. Grazie a chi ci ha segnalato scrivendo o spedendo una mail alla redazione della prestigiosa rivista il “ Gambero Rosso “ che ci ha dedicato, tramite l’articolo del bravo Alberto Zuccoli, un emozionante redazionale che riceviamo come meraviglioso dono per festeggiare i 10 anni di Cose Buone. Grazie anche a chi, in famiglia in questo decennio, ci ha supportato ed aiutato e grazie anche a tutti i fornitori che hanno creduto in noi, in certi momenti ancor di più di quanto ci credessimo noi: l’essere nominati su di una rivista così importante al Vostro fianco è per noi motivo di orgoglio e soddisfazione, perché tanti di Voi hanno scritto la storia del nostro settore. La felicità non era arrivata al massimo perché è letteralmente esplosa leggendo anche di colleghi ed amici, da noi segnalati, che ogni giorno, chi da pochi anni chi da più tempo di noi, come noi apre bottega e mette in campo quello che ha nel cuore: la passione nel servire i propri Clienti. Grazie a tutti per aver percorso questo pezzo di sentiero insieme. Nel salutare tutti ci sentiamo di continuare a far fede al nostro credo, oggi ancora di più, rafforzato e sostenuto da questa soddisfazione: lavoriamo per meritarTi come Cliente! Davide e Daniela: crediamo nelle nostre mani perché realizzano i nostri sogni! Ciao e a presto.

Lavoriamo per meritarTi come Cliente.

Cose Buone il 10 maggio 2004 ha ricevuto la Medaglia d’Oro della Camera di Commercio in Mantova per la categoria “Tra modernità e tradizione”, per essersi distinta attraverso l’utilizzo di Innovative strategie promozionali, nella valorizzazione dei prodotti tipici della tradizione enogastronomica italiana. Vogliamo dedicare questa medaglia a tutti i nostri clienti, perché il premio è arrivato grazie a loro, che ci hanno sempre scelto, seguito e che ci continuano a stimare: Grazie,lavoreremo ogni giorno per meritarVi, sempre come clienti. Un doveroso grazie lo rivolgiamo anche a tutti i fornitori, in particolare a quelli che hanno sempre creduto in noi, servendoci dal primo giorno, aiutandoci ed insegnandoci: il premio è anche loro.

Pubblichiamo la copia, del bellissimo articolo dedicatoci dal bravo Elio Ragazzoni, nella Sua rubrica "Cheese Bar" su Caseus (rivista bimestrale di arte e cultura del formaggio, Organo d'informazione dell'ANFOSC e dell'ONAF) di settembre-ottobre 2006.

Un articolo che con poche righe, ma ben scritte, delinea in modo preciso quello che cerchiamo ogni giorno di trasmettere e dare ai nostri Clienti, fa capire quello che intendiamo quando Vi accogliamo con il "Benvenuto" o "Benvenuta".

Qualcuno potrà obiettare che qui non si parla di un bar, che se poi lo fosse sarebbe tra i più piccoli del mondo visto che ha solo un tavolino. Ma un tavolino c'è e più di tutto c'è il desiderio, in quel tavolino, di ospitare gli amici, sinonimo in questo caso di clienti, per qualche assaggio e quattro chiacchere sul gusto. Cose Buone nasce nel 1998 da una esigenza di mettere in campo la passione sincera per i prodotti tipici, ed è così che Davide e Daniela, titolari dell'esercizio, decidono di mettere in gioco i pochi risparmi per rilevare una piccola attività di vicinato, in un paesino di 700 anime disperso nella campagna del mantovano, per trasformarlo in Cacioteca, Salumeria, Vinoteca e bottega di selezione e ricerca di prodotti tipici.

Il formaggio non è l'unico protagonista del gustoso negozio, ma quello che viene presentato è frutto di scelta appassionata, solida attenzione al territorio e buona sapienza casearia visto che entrambi sono Assaggiatori Onaf oltre che Sommelier. Si possono assaggiare formaggi di alta montagna provenienti dalla Val di Non, terra d'origine di Daniela, Nostrani, Casolet e vecchi Bagoss di artigianale fattura. E non mancano proposte di splendide Dop Nazionali magari unite ad un ghiotto assaggio di Speck di valle. Degustazioni ed eventi gastronomici vengono anche organizzati, saltuariamente all'esterno.

Al piccolo tavolino ci si può accomodare per pura ospitalità, nulla sarà chiesto se non un sorriso, affermano i titolari. E visto che offrire ospitalità è diventato sempre più raro ne abbiamo parlato, con estremo piacere.

Elio Ragazzoni